Dermabase.it
Melanome
OncoDermatologia
Melanome 2018

Vitamina D e tumore cutaneo non-melanoma


Uno studio di coorte ha esaminato l'associazione tra livelli sierici di 25-idrossivitamina D ( 25-OHD ) con il rischio di tumore cutaneo non-melanoma, definito come carcinoma a cellule squamose e carcinoma a cellule basali.

Lo studio ha incluso 3.223 pazienti di razza bianca, appartenenti a una HMO ( Health Maintenance Organization ), che avevano cercato consigli correlati all’osteoporosi o alla bassa densità ossea, dal 1997 al 2001.

I livelli di vitamina D sono stati accertati al momento della visita iniziale, e un sufficiente livello di vitamina D è stato definito come un livello basale sierico di 25-OHD maggiore o uguale a 30 ng/ml (da convertire in nanomoli per litro, moltiplicare per 2.496 ) e un carente livello di vitamina D come inferiore a 15 ng/ml.

Un numero maggiore di pazienti aveva insufficienza di vitamina D ( n=2257 ) rispetto ai pazienti con sufficiente livello ( n=966 ).
Un totale di 240 pazienti è andato incontro a tumore cutaneo non-melanoma: 49 un carcinoma a cellule squamose, 163 un carcinoma a cellule basali, e 28 entrambi i tumori.

Livelli di vitamina D superiori a 15 ng/mL ( livello non-scarso ) erano associati positivamente con il tumore cutaneo non-melanoma ( odds ratio non aggiustato, OR=1.7 ), e questa associazione è stata sostenuta dopo correzione dei fattori di rischio aggiuntivi ( OR=1.8 ).

I livelli di 25-idrossivitamina D sono risultati altrettanto positivamente associati, anche se statisticamente in modo non-significativo, a tumori cutanei non-melanoma con presentazione in punti anatomici meno esposti ai raggi UV ( OR aggiustato 2.2 ), sia per carcinoma a cellule squamose ( OR=3.2 ) che per carcinoma a cellule basali, anche se la stima del rischio per carcinoma a cellule basali era più bassa ( OR=1.7 ).

In conclusione, un innalzamento basale dei livelli plasmatici di 25-OHD è risultato significativamente associato a un aumentato rischio di tumore cutaneo non-melanoma. Questa associazione è risultata positiva, anche se non significativa nelle zone del corpo meno esposte ai raggi UV, e l'esposizione ai raggi UV rimane un probabile fattore di confondimento.
Il rapporto complesso e confondente di vitamina-D, raggi ultravioletti e tumore cutaneo non-melanoma rende difficile la classica indagine epidemiologica in assenza di una storia accuratamente misurata di esposizione cumulativa ai raggi UV. ( Xagena2011 )

Eide MJ et al, Arch Dermatol 2011; 147: 1379-1384


Dermo2011 Onco2011



Indietro