Dermabase.it
XagenaNewsletter
Melanoma
Melanome 2018

Trattamento della psoriasi del cuoio capelluto: focus su Xamiol


La psoriasi colpisce circa il 2% della popolazione, e nel 50-80% dei casi, è il cuoio capelluto ad esserne coinvolto.
L'interessamento del cuoio capelluto può avvenire in modo isolato, con psoriasi a placche localizzate in altri distretti corporei ( forma più comune ), o con altre forme di psoriasi, quali psoriasi eritrodermica, psoriasi pustolosa o guttata, e/o artrite psoriasica. Queste placche squamose, eritematose, pruriginose, singole o multiple, possono manifestarsi ovunque sul cuoio capelluto. Il cuoio capelluto risulta quindi compromesso e le lesioni si possono anche distribuire sulla fronte e dietro alle orecchie. La qualità di vita del paziente psoriasico può essere particolarmente influenzata dalla psoriasi del cuoio capelluto, in quando le placche psoriasiche sono più visibili che in altre zone del corpo, la desquamazione può provocare la presenza di una manifestazione simile a forfora, visibile sui vestiti e il prurito può essere molto intenso. In alcuni pazienti si può verificare una perdita temporanea dei capelli, denominata telegen effluvium.

Attuali trattamenti per la psoriasi del cuoio capelluto

Il trattamento della psoriasi del cuoio capelluto è quasi sempre topico, anche se può essere abbinato a una terapia sistemica e biologica, soprattutto se la psoriasi è presente anche in altre parti del corpo. I trattamenti efficaci, da effettuare una volta al giorno, consentono una maggiore aderenza da parte del paziente.
Ampiamente usato è il trattamento a base di steroidi topici. Sono disponibili in una serie di formulazioni quali le lozioni, le soluzioni, i gel, gli spray, le schiume, gli shampoo, gli oli, gli unguenti, e le creme.

L'Acido Salicilico può essere aggiunto per i suoi effetti cheratolitici ( ad esempio, Diprosalic lozione ).

L'odore sgradevole, la colorazione gialla di capelli bianchi o grigi e la potenziale azione mutagena limita l'uso del Catrame.

Il Calcipotriolo ( Daivonex ) è una vitamina topica derivata dalla Vitamina-D, può essere utilizzata, senza rischio, per 52 settimane. Uno studio ha dimostrato che l'applicazione di Calcipotriolo, due volte al giorno, ha un'efficacia simile al Betametasone valerato 1%, anche se altri studi hanno dimostrato che è significativamente meno efficace della soluzione di Betametasone 17-valerato 0.1%, e dello shampoo Clobetasolo propionato 0.05%.
Alcuni pazienti vengono trattati con Calcipotriolo e corticosteroidi, applicati due volte al giorno, con l’obiettivo di migliorare l'efficacia e la tollerabilità.

Due piccoli studi hanno dimostrato l’efficacia di un unguento topico stabile contenente Calcipotriolo e Betametasone dipropionato ( Dovobet ). Tuttavia, l'unguento base non è generalmente adatto per l'utilizzo sul cuoio capelluto, poiché rende i capelli unti e nei capelli lunghi è difficile da rimuovere.

Xamiol

Xamiol è un gel lipofilo appositamente formulato per il cuoio capelluto. Contiene gli stessi ingredienti attivi come Dovobet unguento, vale a dire Calcipotriolo 0.005% e Betametasone dipropionato 0.05%.

Il Calcipotriolo si lega al recettore della vitamina D, agendo come un eterodimero con il recettore dei retinoidi X ( RXR ), normalizzando la differenziazione e la proliferazione. Riduce, inoltre, le cellule CD45RO+ e i linfociti T soppressori, e induce una commutazione di Th1 a Th2.

Il Betametasone dipropionato è un potente steroide topico. Nel citoplasma, gli steroidi si legano ai recettori glucocorticoidi, per poi traslocare, rapidamente, nel nucleo dove inibiscono o stimolano i geni che regolano l'infiammazione. Di conseguenza, la produzione di citochine, come l'interleuchina 1 e 8 ( IL-1, IL-8 ), il fattore di necrosi tumorale alfa ( TNF-alfa ), e l’interferone gamma ( IFN-gamma ), è inibita; l'ossido nitrico, le prostaglandine, e i livelli di leucotrieni sono ridotti. I corticosteroidi possono inoltre regolare la differenziazione dei cheratinociti. Sia la Vitamina D sia i corticosteroidi possono aumentare il numero di cellule T regolatorie, che sono diminuite nella cute psoriasica.

La formulazione di Xamiol ha una rapida azione ed è un trattamento efficace a lungo termine. Nello studio clinico di fase II, ( n=218 ), dopo 2 settimane, il punteggio totale dei segni della psoriasi TSS ( punteggio di arrossamento + punteggio dello spessore + punteggio della desquamazione; intervallo 0-12 ) è diminuito di 4.49 nel braccio Xamiol, e di 3.75 nel braccio Betametasone ( p=0.005 ). Inoltre, il 67.6% del gruppo Xamiol rispetto al 52.7% nel gruppo Betametasone erano clear o quasi clear ( p = 0.025 ). A 8 settimane, il punteggio totale dei segni è stato ridotto di 5.33 per il gruppo Xamiol, contro il 4.76 per il braccio Betametasone ( p=0.042 ); l' 83.3% dei pazienti nel gruppo Xamiol, rispetto al 74,6% con Betametasone ha mostrato malattia molto lieve o assenza di malattia.

Uno studio pilota di fase III, multicentrico, randomizzato, in doppio cieco, ha coinvolto quasi 3.000 pazienti, e ha dimostrato che Xamiol è più efficace rispetto ai propri singoli componenti.

In uno studio, Jemec e colleghi ( J Am Acad Dermatol, 2008 ) hanno riportato una riduzione del 70.8% nel punteggio totale dei segni della psoriasi nel gruppo trattato con Xamiol, del 57.7% nel gruppo trattato con Betametasone dipropionato ( p=0.12 ), del 49% nei pazienti trattati con Calcipotriolo ( p
Il trattamento con Xamiol non ha mostrato cambiamenti significativi nella calcemia, non è stata osservata atrofia della pelle o strie negli studi condotti.
Nello studio condotto per 52 settimane da Luger et al, che ha messo a confronto Xamiol con Calcipotriolo, non sono state riscontrate differenze nel tasso di eventi avversi correlato all'uso prolungato del corticosteroide ( per esempio, rosacea, follicolite, acne; 2.6% Xamiol vs 3.0% corticosteroidi ).

In conclusione, Xamiol è molto efficace, sicuro e dotato di rapidità d’azione nel trattamento quotidiano della psoriasi del cuoio capelluto, da lieve a molto grave.
Circa il 60% dei pazienti, dopo solo 2 settimane di terapia, raggiunge una condizione di malattia molto lieve o assente, e il 70% dopo 8 settimane.
Il profilo di sicurezza è simile a quello del Betametasone dipropionato e migliore di quello del Calcipotriolo.
Xamiol può essere utilizzato per lunghi periodi in tutta sicurezza.( Xagena2009 )

Guenther LC, Skin Therapy Letter, 2009; 14


Farma2009 Dermo2009


Indietro