Dermabase.it
Melanoma
XagenaNewsletter
Melanome 2018

Il trattamento con Vemurafenib allunga la sopravvivenza nel melanoma BRAF V600-positivo


I dati della fase di estensione dello studio BRIM-3 hanno mostrato che i pazienti con melanoma avanzato positivo per BRAF V600E e BRAF V600K trattati con Vemurafenib ( Zelboraf ) hanno presentato una più lunga sopravvivenza globale e una sopravvivenza libera da progressione, rispetto a quelli trattati con Dacarbazina ( Deticene ).

Lo studio di fase III, randomizzato, in aperto, BRIM-3, ha coinvolto 675 pazienti naive al trattamento, con melanoma metastatico BRAF V600+.
Tutti i pazienti avevano un’età superiore a 18 anni, con un performance status ECOG di 0 o 1, e un'aspettativa di vita di almeno 3 mesi.

Un totale di 337 pazienti sono stati assegnati in modo casuale a Vemurafenib 960 mg per via orale due volte al giorno.
Gli altri 338 pazienti hanno ricevuto Dacarbazina 1.000 mg/m2 per via endovenosa ogni 3 settimane.

Gli endpoint co-primari erano la sopravvivenza globale e la sopravvivenza libera da progressione.

I risultati iniziali hanno mostrato che Vemurafenib era associato a un ridotto rischio di mortalità e di progressione nei pazienti con melanoma in fase avanzata positivo per BRAF V600.

Nell'analisi di follow-up, i ricercatori hanno valutato gli esiti nei sottogruppi BRAF V600E e BRAF V600K.

Il follow-up mediano era di 12.5 mesi per i pazienti assegnati a Vemurafenib e di 9.5 mesi fra quelli assegnati a Dacarbazina.
Il 25% dei pazienti inizialmente assegnati alla Dacarbazina sono successivamente passati a Vemurafenib.

Nel braccio Vemurafenib è stata riscontrata una più lunga sopravvivenza mediana globale ( 13.6 mesi vs 9.7 mesi; hazard ratio, HR=0.7 ) e una sopravvivenza mediana libera da progressione ( 6.9 mesi vs 1.6 mesi; HR=0.38 ).

Tra i pazienti con una mutazione BRAF V600E ( n=598 ), la sopravvivenza mediana globale è stata di 13.3 mesi nel braccio Vemurafenib rispetto a 10 mesi per quelli nel braccio Dacarbazina ( HR=0.75 ).
La sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 6.9 mesi nel braccio Vemurafenib vs 1.6 mesi nel braccio Dacarbazina ( HR=0.39 ).

Tra i pazienti con una mutazione BRAF V600K ( n=57 ), la sopravvivenza mediana globale è stata di 14.5 mesi nel braccio Vemurafenib versus 7.6 mesi per il braccio Dacarbazina ( HR=0.43 ).
La sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 5.9 mesi nel braccio Vemurafenib versus 1.7 mesi nel braccio Dacarbazina ( HR=0.3 ).

I più comuni eventi avversi di grado 3 o 4 nel braccio Vemurafenib sono stati carcinoma cutaneo a cellule squamose ( 19% ) e cheratoacantoma ( 10% ), rash ( 9% ) e alterazioni dei test di funzionalità epatica ( 11% ).
Il più comune evento avverso di grado 3 o 4 nel gruppo Dacarbazina è stata la neutropenia ( 9% ).
Eventi avversi di grado 5 si sono verificati in otto ( 2% ) pazienti assegnati a Vemurafenib e a sette ( 2% ) pazienti assegnati a Dacarbazina. ( Xagena2014 )

Fonte: The Lancet Oncology, 2014

Onco2014 Dermo2014 Farma2014


Indietro