Dermabase.it
Melanome 2018
Melanome
OncoDermatologia

Guselkumab versus Secukinumab a 48 settimane nel trattamento della psoriasi a placche moderata-grave


Uno studio di fase 3, testa-a-testa, ha mostrato che Guselkumab ( Tremfya ), un inibitore dell'interleuchina-23 ( IL-23 ), è superiore a Secukinumab ( Cosentyx ), un inibitore di IL-17A, nel raggiungimento delle risposte PASI 90 nei pazienti con psoriasi a placche da moderata a grave.

Nello studio ECLIPSE ( n = 1048 ), i pazienti sono stati randomizzati a ricevere Guselkumab 100 mg alle settimane 0, 4 e 12 e successivamente ogni 8 settimane, oppure Secukinumab 300 mg alla settimana 0, 1, 2 3, 4, e in seguito ogni 4 settimane.

L'endpoint primario era la percentuale di pazienti che raggiungevano una risposta PASI 90 alla settimana 48.

I risultati hanno mostrato che all'84.5% dei pazienti trattati con Guselkumab ha ottenuto un miglioramento di almeno il 90% del punteggio basale PASI, rispetto al 70% dei pazienti trattati con Secukinumab ( P inferiore a 0.001 ) alla 48a settimana.

Inoltre, Guselkumab è risultato non-inferiore a Secukinumab nel raggiungimento della risposta PASI 75 alle settimane 12 e 48 ( 84.6% vs 80.2%; P inferiore a 0.001 ), ma non-superiore ( P = 0.062 ).

Altri endpoint secondari includevano la risposta PASI 100 e i punteggi alla scala IGA ( Investigator's Global Assessment ) di 0 e 1.

Alla settimana 48, una percentuale maggiore di pazienti trattati con Guselkumab ha raggiunto PASI 100 versus Secukinumab ( 58.2% vs 48.4% ).
Inoltre, il 62.2% dei pazienti trattati con Guselkumab ha raggiunto un punteggio IGA di 0 versus il 50.4% dei pazienti che hanno ricevuto Secukinumab.
L'85.0% e il 74.9% dei pazienti nei gruppi Guselkumab e Secukinumab hanno ottenuto, rispettivamente, un punteggio IGA pari a 1 ( tutti i confronti con P minore o uguale a 0.001 ).

Riguardo alla tollerabilità, l'interruzione del trattamento è stata osservata nel 5.1% dei pazienti con Guselkumab e nel 9.3% dei pazienti con Secukinumab.

Le curve di risposta nel tempo hanno mostrato che i tassi di risposta massima con Guselkumab sono stati raggiunti dopo 6 mesi e si sono mantenuti nel tempo per 1 anno, raggiungendo la superiorità nell'endpoint primario dello studio.
I risultati dello studio hanno confermato un inizio leggermente più rapido della risposta con Secukinumab. ( Xagena2018 )

Fonte: 3rd Inflammatory Skin Disease Summit ( ISDS ), 2018

Dermo2018 Farma2018


Indietro