Dermabase.it
Melanome 2018
Melanome
OncoDermatologia

Espressione di PD-L1 nel carcinoma cutaneo a cellule squamose e trattamento della malattia localmente avanzata con Pembrolizumab


Sono disponibili poche terapie nei pazienti con carcinoma cutaneo a cellule squamose ( cSCC ) localmente avanzato non-operabile.
È stata determinata l'efficacia di inibitori del recettore di morte cellulare programmata 1 ( PD-1 ) nel carcinoma cutaneo a cellule squamose, localmente avanzato.

Un unico paziente con carcinoma cutaneo a cellule squamose localmente avanzato che ha rifiutato la chirurgia e la radioterapia è stato sottoposto a trattamento con Pembrolizumab ( Keytruda ), un anticorpo anti-PD-1, in una sezione di chirurgia dermatologica.
Il paziente è stato seguito per la regressione clinica e radiologica di carcinoma cutaneo a cellule squamose.

Con l'uso di NanoString per amplificare potenziali biomarker, immunoistochimica e immunofluorescenza, l’espressione ex-vivo di PD-1 e di un ligando ( PD-L2 ) è stata valutata in 38 campioni bioptici di tumore da 24 pazienti con carcinoma cutaneo a cellule squamose.

È stata definita l’espressione di PD-L1 e PD-L2 nel microambiente del carcinoma cutaneo a cellule squamose.

Pembrolizumab è stato somministrato al dosaggio di 2 mg/kg ogni 3 settimane per 4 cicli.

In 1 paziente con carcinoma cutaneo a cellule squamose localmente avanzato che è stato trattato con Pembrolizumab, è stata osservata una quasi completa regressione del tumore dopo 4 cicli di terapia.

La tecnologia NanoString utilizzata in 38 campioni bioptici di tumore da 24 pazienti con carcinoma cutaneo a cellule squamose ( 19 uomini e 5 donne; età media 76.4 anni ) ha rilevato l’aumento dell'espressione di PD-1 e PD-L2 nel carcinoma cutaneo a cellule squamose ad alto rischio.

L’analisi immunoistochimica ha confermato l’aumentata espressione di PD-1 e dei suoi ligandi in cSCC con invasione perineurale ( espressione media, 5.06; P=0.05 ), cSCC superficiale ( espressione media, 3.58; P=0.15 ), cSCC associato a trapianto di organo ( espressione media, 3.01; P=0.005 ) e cSCC infiltrante ( espressione media, 2.01; P=0.006 ) rispetto a campioni di pelle normali.

Nella colorazione a immunofluorescenza double-label, CD11c+, un marker di cellule dendritiche mieloidi, ha co-localizzato PD-L1 e PD-L2 nelle lesioni del carcinoma cutaneo a cellule squamose.

In conclusione, la favorevole risposta al trattamento combinata con un significativo coinvolgimento di PD-1 e ligandi di PD nelle lesioni del carcinoma cutaneo a cellule squamose suggerisce che il blocco di PD-1 può essere un'opzione terapeutica valida per l il carcinoma cutaneo a cellule squamose localmente avanzato e fornisce motivazioni per ulteriori indagini in futuri studi clinici. ( Xagena2017 )

Stevenson ML et al, JAMA Dermatol 2017; 153: 299-303

Dermo2017 Onco2017 Farma2017


Indietro