Alliance Cicatrici
Alliance Dermatite
Melanoma
Dermabase.it

Esiti a lungo termine dei tumori melanocitari di Spitz


Nonostante i recenti progressi nella comprensione molecolare dei tumori di Spitz, il comportamento clinico di queste lesioni rimane poco chiaro.

L’obiettivo di uno studio è stato quello di definire il decorso clinico dei nevi di Spitz classici, dei tumori di Spitz atipici e dei melanomi spitzoidi.

Sono stati identificati in totale 157 pazienti con lesioni melanocitarie tipo Spitz e sono state raccolte le informazioni di follow-up.
Come misure di esito principali sono stati valutati i risultati della biopsia del linfonodo sentinella, metastasi, o eventi fatali.

Sono stati identificati 68 nevi di Spitz classici, 76 tumori di Spitz atipici, 10 melanomi spitzoidi, e 3 melanomi derivati da nevi di Spitz.

I nevi di Spitz sono stati diagnosticati ad un'età più giovane rispetto ai tumori di Spitz atipici ( età media 26.4 anni vs 33.7 anni ) ( P=0.01 ), sebbene entrambi si siano presentati prima dei melanomi ( età media 50.4 anni, P inferiore a 0.001 ).

La biopsia del linfonodo sentinella è stata positiva in 1 paziente su 6 e in 4 su 8 con tumori di Spitz atipici e melanomi spitzoidi, rispettivamente.

Dopo un follow-up medio di 9.1 anni, solo 1 paziente con un tumore di Spitz atipico, che aveva un melanoma separato di spessore intermedio, ha sviluppato metastasi a distanza.

Ci sono stati 6 melanomi invasivi documentati tra 144 pazienti con nevi di Spitz classici o tumori di Spitz atipici ( rapporto osservato / atteso 8.03 ) ( P=0.01 ).

In conclusione, i tumori di Spitz atipici sono associati a un minimo potenziale letale, a un aumentato rischio di melanoma, e a un rischio moderato di metastasi ai linfonodi regionali.
Pertanto, il trattamento aggressivo deve essere ridotto al minimo e dovrebbe essere offerta un'attenta sorveglianza per le rare recidive e i melanomi successivi. ( Xagena2011 )

Sepehr A et al, Arch Dermatol 2011; 147: 1173-1179


Dermo2011 Onco2011



Indietro