Alliance Cicatrici
Alliance Dermatite
Melanoma
Dermabase.it

Confronto tra Metotrexato e Briakinumab, un inibitore IL-12/23, nel trattamento della psoriasi moderata-grave


Un nuovo anticorpo monoclonale, Briakinumab ( ABT-874, Ozespa ), è risultato più efficace rispetto al Metotrexato nel trattamento della psocirasi forma moderata-grave, ma non è privo di gravi effetti indesiderati.

La proporzione di casi moderati-gravi con un miglioramento di almeno il 75% nel punteggio PASI ( Psoriasis Activity and Severity Index ) dopo un anno di trattamento è stata pari al 66.2% contro solo il 23.9% del Metotrexato ( P
Tuttavia, è stata riscontrata una maggiore incidenza di gravi infezioni e di tumori tra i pazienti trattati con il farmaco biologico, anche se lo studio era sottodimensionato per mostrare una differenza statisticamente significativa.

I rischi associati al farmaco hanno indotto le Autorità regolatorie a richiedere ulteriori approfondimenti.
La società produttrice, Abbott, ha ritirato la domanda di registrazione sia negli Stati Uniti sia in Europa.

Sono state sollevate preoccupazioni per il rischio cardiovascolare anche per Briakinumab, così come per l'agente compagno anti-interleukina 12/23 Ustekinumab ( Stelara ).

Durante lo sviluppo di Ustekinumab è emerso un rischio di infezioni e di tumore, ma alla fine Stelara è stato approvato da parte dell’FDA ( Food and Drug Administration ) nel 2009, dopo un lungo processo di revisione, e l’adozione di una strategia di mitigazione del rischio ( REMS ).

Il nuovo meccanismo di azione di Briakinumab e Ustekinumab, diretto verso l'interleuchina-12 ( IL-12 ) e l'interleuchina-23 ( IL-23 ) che sono iperespresse nelle lesioni psoriasiche, è stato visto come un vantaggio per i pazienti che non rispondono agli inibitori del fattore di necrosi tumorale ( TNF ).

Poiché, nonostante l’introduzione sul mercato degli antagonisti del TNF, la terapia sistemica più comunemente utilizzata in tutto il mondo nei confronti della psoriasi, resta il Metotrexato, Briakinumab è stato confrontato con questo tradizionale DMARD ( farmaco antireumatico modificante il decorso della malattia ).

Un totale di 317 pazienti affetti da psoriasi moderata-grave sono stati assegnati in modo casuale al trattamento in doppio cieco con Briakinumab ( 200 mg alle settimane 0 e 4, 100 mg alla settimana 8, e poi mensilmente ) o con Metotrexato ( da 5 a 25 mg a settimana ).

I risultati dopo 24 settimane hanno mostrato tassi di risposta superiori a quelli ottenuti alla 52.a settimana, ma quasi raddoppiati con Briakinumab rispetto a Metotrexato per entrambi gli endpoint primari ( entrambi P inferiori a 0.001 ): a) miglioramento di almeno il 75% nel punteggio PASI per l’81.8% dei pazienti del gruppo Briakinumab contro il 39.9% per i pazienti del gruppo Metotrexato; b) raggiungimento di un punteggio di 0 o 1 secondo PGA ( Physician's Global Assessment ), rispettivamente, per l’80.5% dei pazienti contro il 34.4%.

Alla 24.a settimana, i pazienti che non avevano raggiunto un miglioramento di almeno il 75% nel punteggio PASI e un punteggio di 0 o 1 alla scala PGA hanno interrotto lo studio per protocol.

Si sono anche verificati gravi eventi avversi più frequentemente con Briakinumab ad un tasso del 9.1% contro il 6.1% con Metotrexato ( 12.9 vs 10.6 eventi per 100 pazienti-anno ).
Infezioni gravi sono state riscontrate in 4 pazienti trattati con Briakinumab ( 2.6% ) e in 3 pazienti nel gruppo Metotrexato ( 1.8% ), a tassi di 4.1 e 2.7 eventi per 100 pazienti-anno, rispettivamente.

Nel gruppo Briakinumab, si è verificato un caso di infezione da Legionella con candidemia e shock settico, un caso di osteomielite, un caso di herpes zoster e un caso di tonsillite.
Nel gruppo Metotrexato, ci sono stati 2 casi di diverticolite e un caso di epatite farmaco-indotta.

Tre pazienti nel gruppo Briakinumab hanno sviluppato un tumore, tra cui un carcinoma mammario invasivo, un carcinoma alla mammella intraduttale e un tumore alla prostata, per un tasso pari all’1.9%, o 2 eventi per 100 pazienti-anno.
Nessun caso di tumore si è verificato tra i pazienti trattati con Metotrexato.

Nessun evento cardiovascolare maggiore si è verificato in entrambi i gruppi. ( Xagena2011 )

Fonte: The New England Journal of Medicine, 2011


Farma2011 Dermo2011


Indietro