Melanoma
Alliance Dermatite
Alliance Dermatologia & Dermocosmesi
Dermabase.it

Alti tassi di risposta durevole con Pembrolizumab nei pazienti con melanoma avanzato


La maggior parte dei pazienti con melanoma in fase avanzata, trattati e non-trattati in precedenza con Ipilimumab ha mostrato risposte durature con l’anticorpo mirato contro PD-1, Pembrolizumab ( noto in passato come Lambrolizumab e MK-3475 ).

E’ stato valutato Pembrolizumab in 411 pazienti con forma avanzata di melanoma. Di questi pazienti, 221 avevano precedentemente ricevuto Ipilimumab ( Yervoy ).

Lo studio comprendeva tre schemi di dosaggio di Pembrolizumab: 2 mg/kg ogni 3 settimane ( n=162 ); 10 mg/kg ogni 3 settimane ( n=192 ), e 10 mg/kg ogni 2 settimane ( n=57 ).

L'analisi è stata effettuata dopo che tutti i pazienti avevano superato almeno 6 mesi di follow-up; il 75% dei pazienti ha raggiunto almeno 9 mesi di follow-up.

Tra i 356 pazienti con malattia misurabile al basale, il tasso di risposta complessivo è stato pari al 34%.

La sopravvivenza mediana libera da progressione tra i pazienti naive a Ipilimumab in tutti gli schemi di dosaggio è stata pari a 24 settimane, e il 51% di questi pazienti ha presentato una sopravvivenza libera da progressione a 24 settimane.

La sopravvivenza mediana senza progressione tra la coorte precedentemente trattata con Ipilimumab era di 23 settimane, e il 44% di questi pazienti ha raggiunto la sopravvivenza senza progressione a 24 settimane.

Al momento dell’analisi, 88% delle risposte era in corso, e la durata della risposta mediana non era stata raggiunta.

Sono state osservate risposte tra i pazienti provenienti da tutti gli schemi di dosaggio, indipendentemente da ECOG performance status, livelli di lattato deidrogenasi, stato di mutazione BRAF, stadio del tumore e terapie precedenti.

La sopravvivenza mediana globale non è stata raggiunta al momento della analisi.
Il tasso stimato di sopravvivenza globale a 1 anno è stato del 69% per tutti i pazienti; il 74% per quelli senza precedente trattamento con Ipilimumab e del 65% per coloro che avevano assunto Ipilimumab.

Eventi avversi di grado 3 e 4 si sono verificati nel 12% dei pazienti, e il 4% di questi ha interrotto il trattamento a causa di una reazione avversa.
Le tossicità più comuni di qualsiasi grado sono state: affaticamento ( 36% ), prurito ( 24% ) e rash ( 20% ).
Nessun paziente è morto a causa di tossicità correlata al farmaco. ( Xagena2014 )

Fonte: ASCO Meeting, 2014

Onco2014 Dermo2014 Farma2014


Indietro