Dermabase.it
Melanome 2018
OncoDermatologia
Melanome

Afamelanotide e fototerapia UV-B a banda stretta per il trattamento della vitiligine


La fototerapia UV-B a banda stretta ( NB-UV-B ) è ampiamente utilizzata per il trattamento della vitiligine.
Afamelanotide ( Scenesse ), un analogo dell’ormone stimolante gli alfa-melanociti ( alfa-MSH ), è noto per indurre l'abbronzatura della pelle.

E’ stata valutata l'efficacia e la sicurezza della terapia di combinazione per la vitiligine generalizzata consistente in un impianto di Afamelanotide e fototerapia NB-UV-B mediante uno studio condotto in 2 Centri accademici di dermatologia e 1 studio privato di dermatologia.
Sono stati arruolati uomini e donne a partire da 18 anni di età con fototipi cutanei Fitzpatrick ( SPT ) da III a VI, e una diagnosi confermata di vitiligine non-segmentale che ha coinvolto dal 15% al 50% della superficie corporea totale.
La vitiligine era stabile o lentamente progressiva da 3 mesi.

I pazienti sono stati randomizzati a terapia di combinazione ( n=28 ) vs NB-UV-B in monoterapia ( n=27 ).

Dopo 1 mese di fototerapia NB-UV-B, sono stati somministrati 16 mg di Afamelanotide per via sottocutanea mensile al gruppo di terapia di combinazione per 4 mesi, mentre la fototerapia NB-UV-B è continuata; l'altro gruppo ha continuato a ricevere NB-UV-B in monoterapia.

L’intervento è stato quindi UV-B in monoterapia a banda stretta vs fototerapia NB-UV-B e Afamelanotide combinati.

I principali risultati e misure erano la risposta alle scale VASI ( Vitiligo Area Scoring Index ) e VETF ( Vitiligo European Task Force ).

La risposta nel gruppo di terapia di combinazione è risultata superiore a quella nel gruppo con NB-UV-B in monoterapia ( P minore di 0.05 ) al giorno 56.

Per il viso e le estremità superiori, una percentuale significativamente maggiore di pazienti nel gruppo di terapia di combinazione ha raggiunto la ripigmentazione e più rapidamente ( viso, 41.0 vs 61.0 giorni, P=0.001; arti superiori, 46.0 vs 69.0 giorni, P=0.003 ).

Nel gruppo di terapia di combinazione, la ripigmentazione è stata del 48.64% al giorno 168 vs 33.26% nel gruppo con NB-UV-B in monoterapia.

Gli eventi avversi degni di nota hanno incluso eritema in entrambi i gruppi e infezioni secondarie e nausea nel gruppo di terapia di combinazione.

Il confronto tra Fitzpatrick SPT ha mostrato che i pazienti con SPT da IV a VI nel gruppo di terapia di combinazione hanno avuto un miglioramento alla scala VASI ai giorni 56 e 84 ( P minore di 0.05 ); nessuna differenza significativa è stata osservata nei pazienti con SPT III.

In conclusione, una combinazione di impianto di Afamelanotide e fototerapia NB-UV-B ha provocato una ripigmentazione clinicamente evidente e statisticamente significativa superiore più veloce rispetto a NB-UV-B in monoterapia.
La risposta è stata più evidente nei pazienti con SPT IV-VI. ( Xagena2015 )

Lim HW et al, JAMA Dermatol 2015;151:42-50

Dermo2015 Farma2015


Indietro