Dermabase.it
OncoDermatologia
Melanome 2018
Melanome

Imatinib mesilato nel dermatofibrosarcoma protuberans in stadio avanzato


Il dermatofibrosarcoma protuberans è un sarcoma dermico che trasporta una traslocazione tra i cromosomi 17 e 22 e che genera una forma funzionale di PDGFB ( fattore di crescita derivato dalle piastrine tipo B ).

Due distinti studi di fase II su Imatinib ( da 400 a 800 mg al giorno; Glivec ) in pazienti con dermatofibrosarcoma protuberans localmente avanzato o metastatico sono stati condotti e chiusi prima del previsto, uno in Europa ( European Organisation for Research and Treatment of Cancer [ EORTC ] ) con tasso libero da progressione alla settimana 14 come endpoint primario, e l’altro in Nord America ( Southwest Oncology Group [ SWOG ] ) con il tasso di risposta oggettiva confermata come endpoint primario.

Nello studio EORTC, era richiesta la presenza di riarrangiamento di PDGFB, e l’intervento chirurgico è stato effettuato, se possibile, dopo 14 settimane.

Lo studio SWOG ha confermato il riarrangiamento t(17;22) dopo l’arruolamento.

Negli studi EORTC e SWOG, rispettivamente, sono stati arruolati 16 e 8 pazienti.

La dimensione del tumore variava da 1.2 a 49 cm.

Il dermatofibrosarcoma protuberans è risultato collocato nella regione testa-collo, nel tronco e agli arti in 7, 11 e 6 pazienti, rispettivamente, ed è stato classificato come classico, pigmentato e fibrosarcomatoso in 13, 1 e 9 pazienti, rispettivamente.

Sono state osservate metastasi in 7 pazienti ( con coinvolgimento polmonare in 6 ).

Come risposta migliore, 11 pazienti ( 4% ) hanno mostrato risposta parziale e 4 malattia progressiva.

Il tempo mediano alla progressione è stato di 1.7 anni.

Imatinib è stato interrotto in 11 pazienti a causa della progressione, in 1 per la tossicità e in 2 dopo resezione completa della malattia.

Non è stato raggiunto il tempo di sopravvivenza generale mediana e il tasso di sopravvivenza a 1 anno è stato pari all’87.5%.

In conclusione, Imatinib è attivo nel dermatofibrosarcoma protuberans con traslocazione t(17;22), inclusa la forma fibrosarcomatosa, con tasso di risposta oggettiva vicino al 50%.
I tassi di risposta e di tempo alla progressione non hanno mostrato differenze tra i pazienti trattati con 400 mg al giorno versus quelli trattati con 400 mg 2 volte al giorno. ( Xagena2010 ) Rutkowski P et al, J Clin Oncol 2010; 28: 1772-1779


Farma2010 Onco2010 Dermo2010


Indietro