Alliance Cicatrici
Alliance Dermatite
Melanoma
Dermabase.it

Guselkumab, un anticorpo monoclonale anti-IL-23, nel trattamento della psoriasi a placche


I pazienti con forma moderata-grave di psoriasi a placche che sono stati trattati con Guselkumab hanno raggiunto il punteggio alla scala PGA ( Physician’s Global Assessment ) di clear o minimo dopo 16 settimane di trattamento.

L'efficacia di Guselkumab nel trattamento della psoriasi a placche da moderata a grave sembra essere molto promettente in base ai risultati di questo studio di fase 2b.

Guselkumab è un anticorpo monoclonale umano che ha come target l’interleuchina-23 ( IL-23 ).

E’ stato condotto uno studio randomizzato e controllato con placebo e con confronto attivo, multicentrico di iniezioni sottocutanee di cinque dosi di Guselkumab rispetto a placebo e ad Adalimumab ( Humira ) in 293 pazienti con psoriasi a placche moderata-grave.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere placebo, Guselkumab ( cinque gruppi di dosaggio: 5 mg alle settimane 0, 4 e poi ogni 12 settimane; 15 mg ogni 8 settimane; 50 mg alle settimane 0, 4 e poi ogni 12 settimane; 100 mg ogni 8 settimane; 200 mg alle settimane 0, 4 e poi ogni 12 settimane ) oppure Adalimumab ( 80 mg dose iniziale, seguiti da 40 mg ogni due mesi a partire dalla settimana 1 dopo la dose iniziale ).

L'endpoint primario era rappresentato dalla percentuale di pazienti che hanno raggiunto un punteggio alla scala PGA di clear ( 0 ) o minimo ( 1 ) alla settimana 16.
Gli endpoint secondari comprendevano un miglioramento di almeno il 75% della psoriasi ( PASI 75 [ Psoriasis Area Severity Index ] ) alla settimana 16.

Lo studio di fase 2b ha dimostrato livelli significativamente più elevati di efficacia a tutte le dosi di Guselkumab rispetto al gruppo placebo.

Le proporzioni più elevate di pazienti trattati con Guselkumab hanno raggiunto un miglioramento di almeno il 75% dell'indice PASI alla settimana 16 rispetto al 5% dei pazienti trattati con placebo ( p inferiore a 0.001 ).

Alla settimana 16, le risposte PASI 90, o un miglioramento di almeno il 90% della psoriasi, sono state riportate anche in proporzioni più elevate tra i pazienti trattati con Guselkumab rispetto al 2% dei pazienti che avevano ricevuto placebo ( p inferiore a 0.001 ).
Nei pazienti trattati con Adalimumab alla settimana 16, il 58%, il 70% e il 44% hanno ottenuto, rispettivamente, punteggi PGA di 0 o 1, risposta PASI 75 e PASI 90.

Fonte: American Academy of Dermatology, 2014

Dermo2014 Farma2014


Indietro