Ematologia.net
Neurologia
OncoGinecologia.net

Fattori prognostici nelle infezioni necrotizzanti dei tessuti molli


L’infezione necrotizzante dei tessuti molli ( NSTI ) è rara ma pericolosa per la vita.
Una recente meta-analisi ha stimato la mortalità totale al 23.5%.

L’obiettivo di uno studio è stato quello di identificare i fattori di rischio associati alla mortalità in una coorte di pazienti con infezioni necrotizzanti dei tessuti molli.

Sono stati identificati 512 pazienti con infezioni necrotizzanti dei tessuti molli tra il 1996 e il 2012 nel database ospedaliero nazionale del Program for Medicalization of Information Systems e sono stati esaminati i fattori di rischio di mortalità con le infezioni necrotizzanti dei tessuti molli mediante un’analisi univariata e multivariata.

Sono stati inclusi 109 pazienti con diagnosi confermata di infezione necrotizzante dei tessuti molli.
31 ( 28% ) pazienti sono deceduti nel corso di un follow-up mediano di 274 giorni.

All'analisi multivariata, i fattori di rischio indipendenti di mortalità erano età superiore a 75 anni ( hazard ratio, HR=4.4), infezione necrotizzante dei tessuti molli multifocale ( HR=5.9 ), grave malattia vascolare periferica ( HR=5.1 ), infezione acquisita in ospedale ( HR=3.9 ), sepsi grave ( HR=7.4 ) e shock settico al ricovero in ospedale ( HR=13.9 ).

L’analisi retrospettiva della coorte non ha consentito una registrazione precisa del ritardo tra la diagnosi e l’intervento chirurgico.

In conclusione, i risultati di questa coorte di pazienti con una diagnosi definitiva di infezione necrotizzante dei tessuti molli potrebbero aiutare i medici a stratificare la gravità della malattia all’insorgenza del decorso clinico. ( Xagena2015 )

Hua C et al, J Am Acad Dermatol 2015; 73: 1006-1012.e8

Dermo2015 Inf2015



Indietro